CHI SIAMO

Cooperazione Lazio – Associazione delle ONG e delle Organizzazioni di cooperazione e solidarietà internazionale del Lazio – è una associazione regionale di secondo livello che riunisce ventiquattro Associazioni non profit di Solidarietà e Cooperazione del Lazio.

Il tema cardine di Cooperazione Lazio è quello della cooperazione decentrata, termine che comprende le numerose iniziative realizzate da associazioni presenti da anni sul territorio Laziale, spesso in collaborazione con Enti Locali, Comuni e Province. Si tratta di iniziative svolte da centinaia di operatori e volontari e che, nel caso delle attività di sensibilizzazione, coinvolgono migliaia di cittadini e in particolare i giovani. In effetti, nella nostra Regione vi sono più di 2.000 Associazioni iscritte al Registro Regionale delle Associazioni di Volontariato ed oltre 50 Associazioni (ONG, Cooperative Sociali, Volontariato, Associazioni di Promozione Sociale) aderenti al Forum Terzo Settore Lazio.

I temi più ampi a cui il termine “cooperazione decentrata” fa riferimento sono la lotta alla povertà e per l’inclusione sociale, i diritti di cittadinanza per i migranti, la finanza etica, l’economia solidale, la difesa dei beni comuni e dell’ambiente. Ciò conduce a sottolineare sì la necessità di stanziamento di fondi per le attività, ma soprattutto a privilegiare la definizione di un quadro regionale condiviso su come fare “cooperazione decentrata” a partire dalla messa in rete dei soggetti operanti nel territorio.

Per quanto riguarda la Regione, Cooperazione Lazio ha rivolto al Presidente un appello per la formalizzazione di una delega forte e ufficiale per la “cooperazione decentrata” in modo anche da favorire il confronto e il dialogo con la società civile e con quante e quanti sono impegnati sui temi della cooperazione internazionale, dell’educazione e sensibilizzazione alla cittadinanza globale. Nel frattempo proseguirà comunque a interagire e interloquire con l’Area politiche per la cooperazione decentrata, così come si è fatto in questi ultimi anni, conferendo la massima disponibilità al confronto e la messa a disposizione del suo lavoro, delle competenze, delle reti di partenariato territoriali e internazionali così come della sua passione civile.